Il magazine di ALittleMarket Italia

Un amore di Tutorial: Mini love Book

pubblicato il 3 febbraio 2015 da in I creatori di ALM, I tutorial di Alm, La comunità ALM

mafasan

Manca poco, pochissimo!
Tra 10 giorni è San Valentino e non avete ancora pensato a cosa regalare alla vostra (dolce) metà che tanto vi supporta, vi ama e vi sopporta? Niente panico.
Ecco un progetto handmade che gli farà traboccare il cuore di gioia con annessi occhi a cuoricino!
Lo ha preparato per noi la bravissima Simona dello shop So cute things
Lasciamo a lei la parola.

“Sono Simona Sansone, mamma di due bambini e di un coniglietto. Ho un marito che mi tiene costantemente con i piedi per terra, ma che mi sostiene in tutto ciò che faccio. Sono una sognatrice inguaribile… non c’è proprio rimedio…
Sono conosciuta nel web come So Cute Things per i miei lavori in feltro e blog/graphic design, ma il tutorial che vi propongo oggi viene da quella che da sempre è una mia passione : creare libretti, abbellire e rivestire quaderni.”

Come preparare un Mini Love Book
(altro…)

Les tags : , , , , ,

Un Amore di Workshop : altro appuntamento 15/02 h. 15:00 !

pubblicato il 22 gennaio 2014 da in gli eventi ALM, I creatori di ALM, La comunità ALM

Newsletter_300_2 (1)

Dato l’enorme numero di richieste pervenuteci per il Workshop di San Valentino, è stato aggiunto un ulteriore momento per partecipare a questa magnifico appuntamento.
Sabato 15/02 alle h.15:00 ! ! !
Per chi volesse iscriversi e ancora non è riuscito a farlo, ricordiamo l’email a cui mandare i propri dati monica@alittlemarket.it.

Il giorno dedicato all’Amore si avvicina e noi vi proponiamo un amore diverso da festeggiare, un amore comune, per la creatività, per il fatto a mano.

Venerdì 14 Febbraio e Sabato 15, si terrà a Milano presso il laboratorio creativo MOKAlab, un workshop dedicato all’AMORE… per l’uncinetto !

Le due giornate di workshop , si svilupperanno in momenti diversi, venerdì pomeriggio e sabato mattina e saranno tenute entrambe dalla bravissima Giulia di Keep Calm and Knit.

Giulia è una ragazza di Milano che ha fatto dei ferri ereditati della nonna, la sua arma letale. Ha cominciato con la maglia, imparando da sola con tanta pazienza e tanti video su internet. Un giorno però decide di provare l’uncinetto e subito se ne innamora! Inizialmente lo prende come uno svago tra una pagina e l’altra nella stesura della tesi di Laurea, poi però si rende conto di quanta importanza ha preso nella sua vita e ne fa un lavoro, iniziando cosi a creare “storie di lana e cotone” , come lei ama chiamarle. Dopo più di un anno di uncinetto, riprende in mano i ferri e comincia cosi a dedicarsi alla maglia e alla realizzazione  di magnifiche creazioni originali e piene di humor, nate in un angolo del suo salotto.

5
Saranno proprio i suo ferri e il suo uncinetto, i protagonisti principali di questo Workshop di San Valentino; grazie a loro, verranno realizzati cuori all’uncinetto per la giornata del 14 Febbraio e nuvolette nella giornata del 15.

Queste due giornate all’insegna dell’uncinetto, avranno luogo all’interno del laboratorio creativo MOKAlab , inaugurato a Novembre e fondato da un gruppo di creatrici d’eccellenza: Giulia di  Keep Calm and Knit, Chiara di lucciole, Mirta di mi+ed design e Cristina di Trepuntozero civette sul comò.

8
Un laboratorio nato per l’amore dell’ handmade e il desiderio di condividerlo e di insegnarlo alle future creatrici così che possa diventare un’arte in continua evoluzione.

9
Questi due appuntamenti saranno resi ancor più piacevoli dalla presenza di una cuoca creativa Tilia Tarrare e del suo catering vegano, che allieterà i creatori e le creatrici presenti al workshop con un aperitivo per la sera del venerdì e un brunch nella mattinata del sabato.

 

7
Potranno partecipare alle due giornate di Workshop le prime 10 creatrici che invieranno un email a monica@alittlemarket.it entro e NON oltre VENERDI 07 FEBBRAIO con su scritto :

NOME COGNOME

n°TELEFONO

NOME UTENTE ALM.it

GIORNO DI PARTECIPAZIONE

Il costo del workshop è di 5 € come contributo per il materiale che verrà utilizzato e troverete tutto a vostra disposizione.

Il workshop è aperto a tutti,  qualsiasi livello di uncinetto siate, Giulia saprà seguirvi passo per passo per raggiungere il lavoro finale.

Qualora vogliate partecipare ad entrambe le giornate di Workshop, vi chiediamo di specificare comunque tra le due giornate, qual’è la vostra preferenza, cosi che entro  5 giorni prima dell’incontro, se ci fosse ancora la disponibilità di partecipare anche alla seconda giornata , vi verrà comunicato via email.

AL VIA LE ISCRIZIONI ! ! !

Un saluto creativo,

il team A little Market.

Les tags : , , , , , , , , , , , , , ,

Creative Market all’ Art gallery cafè – Modena

pubblicato il 3 dicembre 2013 da in gli eventi ALM, I creatori di ALM, I prodotti di ALM, La comunità ALM, Uncategorized

A Little Market è lieta di segnalarvi un altro imperdibile evento natalizio.
Se siete di Modena e ancora non avete le idee chiare sui regali di natale, non potete mancare!

Creative Market si svolgerà a Modena il 13, 18 e 20 dicembre dalle 19.00, all’ Art Gallery Cafè, un locale situato in via Ottorino Respighi, 93.

Un evento dove poter acquistare pezzi unici o di serie limitata per chi ama distinguersi.
Oggetti ad alto livello di manualità e creatività, fatti con ricerca amore e passione per l’arte.
Gioielli,abbigliamento,cappelli borse, accessori,ceramica,oggetti in legno,riciclati,arredamento!!
Sarà uno spazio dove condividere idee, conoscere nuova gente tra cibo, buona musica, e l’ esposizione fotografica di due artisti : Francesco Boni e Anita Bonfiglioli.
All’evento parteciperanno anche dei creativi che fanno parte della community di A Little Market:

La bottega degli Usvei

Gioielli Tumbaga

Miss Lamparita

Messie

Questa è la pagina Facebook –> CREATIVE MARKET
Qui maggiori informazionis ull’evento –> @ Art Galley Cafè
SAVE THE DATE!

Les tags : , , , ,

Da creatrice a creatrice: Cimba

pubblicato il 24 settembre 2013 da in I creatori di ALM, La comunità ALM


Sogno ad occhi aperti ed ironia le caratteristiche che ho trovato in Oriana, la creatrice dello shop Ciao!Cimba, venite a scoprirla!

CIAO!CIMBA
 

Come e quando hai cominciato a lavorare all’uncinetto?

Quando ero bambina mia nonna e mia mamma mi hanno insegnato a lavorare a maglia, in famiglia c’è una predisposizione al DIY che ho in parte ereditato. Ma è stato solo molti anni dopo che ho realizzato quanto potessero essere divertenti e innovative le tecniche femminili tradizionali, se reinterpretate con un altro spirito. Quasi dieci anni fa cominciai a seguire tutto il rinascimento e riappropriazione del crafting che stava avvenendo in quegli anni soprattutto nei paesi anglosassoni; ero iscritta a questo forum grandioso che si chiama Craftster, e decisi che avrei ripreso il lavoro a maglia, se non fosse per dar vita ad esperimenti insensati al limite del mostruoso. Così, tra letture di tutorial in inglese e richieste a mia madre di ripetizioni di uncinetto, cominciai a capirci qualcosa. In seguito ho diffuso il virus dando vita a un gruppo di maglia che oggi fa yarn bombing e si chiama oknit —> www.facebook.com/oknit


Quali sono i tuoi materiali preferiti?

Qualsiasi, davvero. Dipende da cosa voglio (diciamo vorrei!) ottenere, o da cosa ho a disposizione.

Nel tuo shop scrivi ‘ I’m a grown up child ‘, anche io penso che, come maker, sia importante aver mantenuto un lato giocoso e fantasioso, che rapporto hai con la tua fantasia?

Mi piace così tanto trascorrere del tempo nelle mie fantasie che ci si potrebbe chiedere piuttosto che rapporto ho con la realtà :)

Come nascono i tuoi bijoux? li progetti prima o ti lasci guidare dall’ispirazione mentre li lavori?

Un po’ entrambe le cose: c’è un’idea generale o, senza voler cadere nel mistico, potremmo dire una “visione” di qualcosa che poi quando viene concretizzata non sempre corrisponde a ciò che si è immaginato, perchè quando fai ti confronti con i dettagli che invece nella visione mancano. Altre volte, mentre sto facendo qualcosa che ho immaginato può succedere che mi rendo conto che voglio cambiare completamente e seguire invece quello che mi sembra stia venendo fuori da solo.

Quale ritieni sia il valore aggiunto di un oggetto fatto a mano?

Di solito un oggetto non prodotto industrialmente passa quasi direttamente, senza molte mediazioni, da chi lo ha creato a chi lo riceve, quindi puoi sentirlo ancora “caldo” e infuso delle intenzioni e della manualità di chi lo ha fatto. C’è un rapporto diretto con il creatore, e questo rende gli oggetti quasi magici, in questo senso potrebbero essere paragonati a dei talismani! Personalmente, quando acquisto un oggetto fatto a mano è perchè scelgo di supportare chi lo ha realizzato. Esprimo apprezzamento anche solo per il semplice fatto che qualcuno si è messo lì e ha deciso di creare o ricreare qualcosa usando le sue mani e capacità. Un oggetto fatto a mano ha più probabilità di parlarmi, di colpirmi, di comunicarmi qualcosa, di affascinarmi.

>> Lo shop di CIAO!CIMBA su A Little Market <<
>> La sua pagina FACEBOOK <<

Les tags : , , , , ,

Da creatrice a creatrice: Giuliasnape

pubblicato il 10 settembre 2013 da in I creatori di ALM, La comunità ALM

Come ogni martedì, il team di A Little Market Italia vi propone la rubrica Da Creatrice a Creatrice: una serie di interviste fatte da Claudia  a delle artigiane talentuose che hanno scelto di vendere attraverso la nostra piattaforma e che ci raccontano un po’ dei loro segreti, dei loro sogni e di quello che le spinge a creare, creare e ancora creare! Questa settimana è il turno della poliedrica

GIULIA SNAPE

Giulia  ha rubato il cognome ad uno dei suoi personaggi preferiti di Harry Potter, studentessa di lingue a Palermo, ha una passione innata per il fatto a mano. Di sé mi racconta “Amo la pioggia e le stagioni fredde, i gufi, libri di ogni tipo, i videogiochi e i criceti.” Il suo stile varia  dal delicato merletto al mostro mangia cervelli e, come dice lei stessa,   non vedo perché le due cose non possano convivere…

Quanto del tuo mondo entra nel tuo lavoro?

Molto, dopo tutto gli accessori si ispirano alle piccole e grandi cose che mi piacciono. Amo i bijoux bronzati che danno un tono un po’ vintage e mi diverto con rondini, gufi, fiori coloratissimi, a cui si unisce il mio interesse per i libri: per creare alcuni degli accessori mi sono ispirata a Harry Potter, Alice nel Paese delle  Meraviglie e Il ritratto di Dorian Gray.  Altre importanti fonti di ispirazione sono il Giappone, l’animazione e i videogiochi, sopratutto per quanto riguarda il fimo.

Cosa ti spinge a creare?

Mi piace tenermi occupata! Quando ho cominciato l’università ho smesso per un po’ di lavorare e mi sono accorta di sentirne la mancanza. Non riesco a stare ferma,  se ho un’idea la voglio realizzare. Creare oggetti in fimo e bijoux non solo è divertente ma è anche utile. Penso che realizzare da sé i propri accessori dia tantissima soddisfazione e poi è bello vedere le mie creazioni indossate da altre persone.

Come avviene la scelta dei materiali?

Non ho davvero uno stile fisso, quindi semplicemente scelgo tutto ciò che attira la mia attenzione o che mi dà una nuova idea. In questo modo ho usato un po’ di tutto, dal semplice metallo all’argento, dal plexiglas alla stoffa. Spesso è il committente stesso che mi propone la sua idea, così mi metto all’opera per proporgli le soluzioni più adatte. Per gli accessori preferisco scegliere ciondoli diversi e particolari per garantire un’ampia personalizzazione.

Come ti sei avvicinata all’handmade?

In generale fin da piccola ho sempre preferito gli hobby creativi, mi sono dedicata più seriamente a questa passione qualche anno fa, praticamente per caso. Sono partita da oggetti in pasta di mais, poi un po’ per necessità (l’università non mi lascia abbastanza tempo) un po’ perché curiosa di mettermi alla prova mi sono dedicata alla creazione di accessori. Da un lato mi dava la possibilità di racimolare qualcosa per essere più indipendente, dall’altro mi permetteva finalmente di realizzare con le mie mani gli accessori che avevo sempre sognato, ma che difficilmente si trovavano in commercio.

 Quale ritieni sia il valore aggiunto di un oggetto fatto a mano?

L’originalità e la possibilità di personalizzare il lavoro. Se ho cominciato a realizzare accessori è anche perché quando ero più piccola frugavo sempre in tutte le bancarelle alla ricerca di qualcosa di unico e particolare, che nei negozi non si riusciva mai a trovare. Chi realizza oggetti fatti a mano può venire incontro a questo desiderio, non solo creando oggetti che di per sé hanno già un design originale, ma anche personalizzandoli su richiesta, dandogli così un valore ancora più personale :)
Les tags : , , , , , , , ,
Pages: 1 2 3 4 Next